Smart work : lavoro fuori dall’ufficio

Smart work : crescono in maniera esponenziale i lavoratori che per svolgere la loro mansione, non si recano “fisicamente” in ufficio, ma lo fanno a distanza, utilizzando gli strumenti digitali.

La cifra è vicina alle 480mila unità in Italia, soprattutto nelle grandi aziende, ed è in crescita. Quasi la metà delle grandi aziende italiane ha attivato progetti IT che permettono ai propri dipendenti di poter lavorare senza recarsi in ufficio, ma collegandosi dall’esterno, attraverso sistemi condivisi che permettono anche di monitorare le performance lavorative.

Secondo analisi e studi avviati già da qualche anno, il “lavoro intelligente“, aumenta la produttività di circa il 15% per singolo lavoratore e riduce del 20% circa il tasso di assenteismo. (fonte Osservatorio Smart Working – School of Management del Politecnico di Milano).

Gli Smart worker sono più soddisfatti dell’organizzazione del lavoro rispetto alla media degli altri lavoratori “tradizionali” (39% del totale, contro il 18% degli altri), e del rapporto con colleghi e superiori (40% contro il 23%).

I benefici di questo tipo di lavoro, non si limitano alla sola soddisfazione individuale, ma riguardano anche i rendimenti per il miglioramento della performance delle persone e dell’organizzazione aziendale nel suo complesso.

Nelle grandi aziende questo tipo di organizzazione sta prendendo piede, con notevoli vantaggi sia per i lavoratori che per le aziende stesse, che vedono migliore l’andamento generale delle proprie performance.

Lo smart work nelle PMI

Tra le PMI italiane questo tipo di impostazione del lavoro risulta ancora poco attuato. La percentuale delle aziende e delle attività di media e piccola dimensione che adotta lo smart work , si attesta attorno all’8% e non sembrano esserci segnali di crescita rispetto agli anni passati.
Quello che potrebbe dare una spinta alla crescita è sicuramente la possibilità da parte delle PMI, di poter accedere a tecnologie digitali e di informatizzazione, che permettano loro di implementare questo tipo di organizzazione nelle procedure lavorative. L’adozione dello “smart work” è basato sull’utilizzo di tecnologie che permettono di lavorare “insieme e distanti”, quindi si basa principalmente su architetture “cloud“, che consentono all’azienda di avere risorse condivise ed utilizzabili senza limiti “fisici“.

Il software gestionale per lo smart work

Un sistema gestionale basato su architettura cloud, che consente la condivisione delle informazioni tra tutti gli attori che collaborano con l’attività (collaboratori, partner, commercialista, dipendenti, etc..), è lo strumento che può traghettare le aziende, anche di media e piccola dimensione, verso un lavoro “intelligente”, che permette un miglioramento delle performance, sia sotto l’aspetto economico ma anche sotto quello della “qualità” lavorativa.

smart work soluzione in telelavoro

resta sempre aggiornato
iscriviti alla newsletter
ottieni informazioni fiscali, amministrative e gestionali per aziende e liberi professionisti direttamente sulla tua email
scopri perchè iscriversi

Argomenti :
Fattura elettronica : ricezione automatica fattura passiva
Scambio dati con commercialista : come condividere in tempo reale i dati con il commercialista
Contratti : come gestire i contratti clienti in abbonamento

condividi questo contenuto
Lascia un tuo parere sull'argomento